TACCUINO ALL’IDROGENO – NUMERO 44

Dunque, eravamo indecisi su cosa mettere dentro alle vostre uova di Pasqua, ma alla fine abbiamo scelto le meglio cose:

  • Napoleone
  • Delle larve
  • Una cassetta con del vino
  • Un dandy
  • Un appuntamento dal dentista
  • Delle gran corde vocali

L’ulteriore gran bella cosa é che se leggerete il nuovo numero, le avrete tutte.

E poi con le larve ci andrete al massimo a pescare, ecco.

PDF: Taccuino all’Idrogeno – Numero 44

ISSUU:

Buone letture pasquali (o anche non)!

Caterina

Caterina mi ha chiesto di scrivere qualcosa su quello che le è successo in questi anni. Caterina insiste che io lo faccia, poiché a lei uscirebbe solo rancore verde dalla bocca, e alla fine non sarebbe poi così bello da leggere. Caterina la prima volta che l’ho vista era bellissima. E già allora aveva subito la bestialità dei cugini, ma era bellissima lo stesso. Ma non vuole che scriva di loro, troppo facile mi suggerisce. Le bestie restano bestie, anche trasfigurate in un romanzo. Lei mi invita a scrivere del troppo affetto famigliare che alla lunga è diventato inganno. Certificato da un notaio e disvelato da un agente immobiliare: Mi hanno fregato e soffocato. Forse quegli abbracci stretti stretti di mia sorella quando ero piccola, ne erano soltanto un prologo appiccicaticcio, mi scrive il 12 dicembre del 2016.

Caterina è scappata in Africa, era il suo sogno sin da bambina. Invia poche foto da laggiù, perlopiù le pubblica su facebook per promuovere l’associazione per cui lavora. A me scrive lunghe mail piene zeppe di particolari della sua scorsa vita ingenua, così definisce il periodo beato e tragico vissuto in famiglia. Caterina col suo rancore ci va a correre insieme nei campi aridi africani, e al rientro è già diventato solo abbondante sudore pronto a immolarsi sotto la doccia. Lei lotta contro il rancore per diventare migliore. Questa frase me la ripete ad ogni pié di mail. A lei piacerebbe diventare un albero, come quelli piegati sulle rocce davanti al mare. Sempreverdi, nonostante il libeccio e l’inquinamento. Caterina non sa che io sto già scrivendo la sua storia ingenua. Lei preferirebbe far partire questo racconto dall’Africa, per poi tornare indietro fino a quella culla di vimini mai abbastanza cullata dalla madre, sempre indaffarata col marito e per l’azienda di famiglia. Ma sono costretto ad ingannarla anch’io, così posso scrivere delle buone menzogne di volta in volta, mail dopo mail, e così mi illudo di alleggerirla un po’ dall’incubo della vecchia vita ingenua. Almeno ci provo in queste pagine prive di baobab e di mare d’inverno.

Caterina va in Africa per non amare più solo per essere amata ancora di più, ora si lascia prendere dai sentimenti sedimentati da piogge torrenziali e storie ventose, per poi ripartire di nuovo all’alba di corsa contro l’odiato rancore e sentire il piacere del sudore che scende sulle labbra.

P.S

Pausa pranzo

Giornate di primavera

raggi di sole e vento caldo

motorini  parcheggiati, sporcizia, coperte ammassate

una donna sferruzza scarpette e golfini per neonati.

Li appoggia su un comodino orfano di un letto e di un gemello

Una pennellata di colore brillante nel buio del sottopassaggio incastrato tra due vie e pilastri di cemento armato.

La bellezza ci sorprende. Ancora.

R.V.

Piccolo fiore

Piccolo fiore, quando la vita

per un momento mi tradisce,

tu custodisci il mio bene

e io, sui miei vent’anni, mi fermo

a respirare questo profumo

che amo più di ogni altra cosa.

Nel mio cuore tu fiorirai sempre,

sempre al grande giardino d’amore

– piccolo fiore.

Petite fleur – Sidney Bechet

traduzione e disegno di E.G.