Sweet Home Appennino

Quando le gemme prepotenti dei noci

                                                                    si fanno larghe, sinuose

dopo aver creato un arco,

protendono di nuovo verso il sole velato di un aprile stantio.

Irrigheremo con le lacrime e col sudore

                                                     i nostri orti sterminati,

                                                     i nostri pianeti

E verniceremo le nostre pareti di pietra,

addobberemo ciò che già é meraviglioso,

mangeremo fichi e pesche.

E fiorirà l’aspidistra,

                                                                 ma anche i rosmarini e le lavande

E ci sarà il blu

E l’indaco

del cielo

G.U.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...