Trofaiach Pt. 3

Cessi chimici

sui furgoni camperizzati

 tre euro per una doccia al distributore

e la mattina sei più stanco di quando sei andato a letto.

Fornelli a gas, cucine portatili

e cibo di strada

cucinato in strada

su piastre elettriche arrugginite,

e consumato per strada.

Patenti moldave

non ancora convertite

permessi di soggiorno, fogli di ospitalità

nel cassettino del cruscotto

passaporti pieni di timbri,

schiene curvate dai chilometri

e dall’alluminio delle plance.

 

I piedi urlano

scongiurando una pausa

che non avranno.

Solo altro asfalto

o cemento

o porfido

o, peggio, ciottoli.

 

Pall Mall blu in pacchi da 40

fumate in fretta, con avidità

o lentamente, per noia.

Birra scadente

in lattine da mezzo

e guance rosse.

 

Di notte,

falene gigantesche 

entrano dai finestrini

abbassati

per far girare un po’ d’aria

nella cabina troppo stretta.

E di giorno le api,

anzi, vespe.

Ostinate e grasse,

carnivore.

Nemmeno ti pungono quelle,

ti mordono.

Poi le vedi agonizzare

nelle vasche dei sottoli

vittime della loro gola

e dentro piangi.

Perché, alla fine,

veder morire una creatura

non è mica roba per tutti.

anche una vespa merdosa.

 

Cresce la barba e crescono le unghie,

e la voglia di rivedere mogli, madri, figli, cani,

che aspettano

dall’altra parte del mare d’asfalto.

G.U.

Annunci

2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...