Capsula S

Samadeva.

Certamente si chiamava Samadeva

La principessa suicida che ti aspettava al bar

Nell’onda del cammino

Nel capodanno del dragone Pakistano

C’entra perchè tutto centra e rotola

Una danza dervisci di vita altra

Non di questa

Si chiamava Samadeva.

E  c’era poco vento nella palude

Un’ ipotesi

Un sibilo

Una lingua di serpente di vento

Samadeva era stata rettile

e aquila

a volte tormenta

Non voleva essere altro che onda

In cammino

S.O.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...