Avevo quasi tre anni e non parlavo

Avevo quasi tre anni e non parlavo; ah! A un anno stavo pure per morire. Già, e a sei anni ero praticamente muto, con gli estranei, ma a casa, davanti a tutti, toccavo il seno di mia madre e ridevo. A otto anni ho visto piangere mia madre per la morte della sorella. A dodici viaggiavo da solo in treno. Il resto, nell’assoluta libertà forzata di quegli anni, oggi mi appare come un filo trasparente che ha condotto una storia verso la sua fine. Che poi è stato l’inizio, quell’assoluto momento pari a una resurrezione serale, al riparo dalle zanzare. A quel punto, oltre il filo, oltre il vero, è comparsa una ragazza. La prima volta che le ho succhiato il seno sapeva di antico: all’improvviso ho ricordato il dettaglio, il sapore, quel piacevole sapore attaccato alle labbra d’infanzia.

Ecco il mio cerchio di cappio che sto piano piano allargando. Da domani ci passerai anche tu se vuoi.

P.S.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...