Taccuino all’Idrogeno – Luglio/Agosto 2012 – Numero 16

…che dovrebbe pure essere la notte di San Lorenzo e si dovrebbero vedere le stelle, da qualche parte, in qualche angolo della terra, di quelle cadenti. E che questo potrebbe sembrare un inizio romantico, in qualche modo, di quelli mielosi. Ah sì.

Però c’è che è anche l’ora dell’uscita del nuovo numero di Taccuino all’Idrogeno. Ah sì, è giunta l’ora, nostri prodi. E andiamo dunque, si va, si va, si va (magari stasera si esce pure fisicamente, ma questa è un’altra storia).

Dunque, 10 di agosto, giorno speciale (boh), nonché anno 2012, ancora più speciale (ri-boh), e noi che non vogliamo essere da meno ci proviamo con un numero speciale. Come scritto nell’editoriale del numero stesso, che recita così:

“Tre immagini di ogni autore commentate da un altro autore, per vedere ciò che ne viene fuori, per scambiarci come sempre opinioni e pensieri diurni e notturni. Per interpretare, con occhi diversi, ciò che altri occhi hanno inquadrato e ossigenato. E una nota di riguardo, con un talentuoso tale senza nome (ma sempre con sigla) che apre e chiude questo numero eccezionale, per intenzioni e diversità. Una partecipazione davvero notevole e straordinaria, di un artista che nella vita un nome suo ce l’ha e crea immagini con mescolanza di tecniche e affascinanti colpi di genialità ma che in questo caso partecipa a Taccuino all’Idrogeno con un progetto nuovo e parallelo che lo vede aggirarsi furtivamente per le vie e i luoghi delle città (…)”.

Dunque, sia che tutto questo sproloquiare vi abbia affascinato, sia che non ci abbiate capito nulla o quasi…prendete e sfogliate il nuovo numero di Taccuino all’Idrogeno. Un numero minimal, immaginifico, immaginario, di interpretazione.

Così, tanto per cambiare ma restare sempre Taccuini.

A voi!

PDF: Taccuino all’Idrogeno – Numero 16

ISSUU: Taccuino all’Idrogeno – Numero 16

E soliti calici su per il brindisi, che stavolta è pure venerdì. Meglio di così. Eh.

Annunci

One comment

  1. Un’errata corrige al volo, che giustamente ci fanno notare, il nome Banksy (nell’editoriale) va con la Y e non con la I finale. La fretta di cominciare il week end, forse. Svista, chissà. Comunque così è. Pardon.

    Taccuino all’Idrogeno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...