In cammino, in cammino

Ogni cammino é
Come un’epopea di passi
Leggenda di movimenti
Testimonianza di coordinazioni muscolari
E di visioni laterali
Riflessioni
Parole che si formano sulla lingua
Passi recuperati dagli immobilismi recenti
Passi lenti per avvertirne la consistenza
Passi che non lasciano orma
Il Percorso si inventa sulla strada, camminare permette questa libertà, a destra c’è una fuga, nell’altra direzione il compimento di un sogno, ma da questa parte cosa c’è?
Mi permetto di guardare a terra e non salutare i passanti fino al momento dell’incrociarsi di sguardi
e di tensioni non-verbali, solo i gesti parlano
Ad una donna anziana di questa domenica poco affollata insinuo con voce allegra – lo sguardo lontano, l’attenzione altrove: dicono che faccia bene una camminata, sembra che voglia giustificarmi
Come faccio io? dice la donna
Ho raccolto queste – indica un pugno di erbe varie – come faccio altrimenti?
Dicono che fa proprio bene, ripeto e mi allontano, la incontro di nuovo al secondo passaggio del Percorso, stavolta silenzio tra noi, il dialogo che non era nemmeno un ragionar tra sé
Aguzzo lo sguardo, come nei giochi enigmistici, in cerca di segnali
Ne trovo qualcuno davanti ad una casa in costruzione
Ci sono diversi pacchetti accartocciati di sigarette Pall Mall di colore azzurro
C’è anche un pacchetto rosso dello stesso tipo di sigarette
Quando ripasso sul Percorso le rivedo
Ho intenzione di contarle, all’inizio ho questa intenzione ma
Non mi sembra un indizio rilevante nella statistica degli impercettibili inutili fatti del quotidiano
Ne conto comunque quattro
Mentre adesso scrivo mi rendo conto che il pensiero non si forma affatto, come ieri un passo dopo l’altro
Vorrei ritrovare la danza verbale del viandante che si rallegra in cuor suo d’una skyline immutata sulla destra quando sono in questa direzione di cammino, nei quasi due decenni in cui – il tempo è stato sempre un Percorso – quella linea non ha costituito semplicemente uno Stato d’Animo
Scoprire i particolari, comporre l’incastro, laggiù – devo voltarmi – c’era una torre medievale, sul punto più alto della linea, nella sua porzione centrale
Skyline, la linea del pensiero orizzontale
Ritorno a casa passando per il sito di un piccolo monumento che ricorda piccoli morti
mondi antichi, un angelo mesto sorveglia la scena
Una sorta di replay, focalizzare l’attenzione sui particolari
Il cippo dei caduti di guerra da una parte ha una maggioranza di Cesari, nel versante opposto prevalgono i Giuseppi, questo penso sulle scale di casa, il portone cigola da qualche mese, il cigolio mi impedisce la concentrazione giusta per non dimenticare i particolari della scena, in realtà voglio trovare un libro
A casa cerco il volume di Mastro Heidegger intitolato “In cammino verso il linguaggio”
Non lo trovo subito, prima una doccia, ha una copertina dal doppio colore: rosso e verde scuro, non lo trovo subito, devo rifare gli stessi gesti di quando l’ho messo dove si trova per ritrovarlo davvero e quando lo trovo (che animale che sono, eccolo là) apro a caso il volume con la copertina in brossura colore rosso-verde scuro
Cerco un senso immediato nel testo
Pagina 201, edizioni Mursia, prima pubblicazione italiana 1959, …zur Sprache, ci si inoltra per oscuri sentieri
Nel Dire originario – raccolgo un testimone spigoloso
Persiste una chiarificazione raccontante del linguaggio
Che indica il cammino verso il linguaggio
Che si spinge fin presso il linguaggio come linguaggio
Quindi al suo traguardo
La verità è che nel pomeriggio di un lontano primo aprile arrancavo su un Percorso desacralizzato
Accompagnato da un Cireneo caritatevole che continuava a parlarmi roteando quel suo dito dove indossa un anello a forma di crocifisso, incurvato per consentire di indossarlo
Un ronzio in testa mi impediva allora (sto facendo salti -come lampi- nel tempo) di capire le sue parole
Arrancavo fumando sigarette nervose, quell’ ultima volta che ancora fumavo
Anche se in altro luogo ed estraneo ormai a tutto
Sono accanto alla carrozza nera concettuale ora
-Adesso la carrozza è proposta, per l’acquisto, ad un miliardo-
Opera dell’artista di cui si celebrava la memoria in quell’altro primo aprile di burle
A Gino De Dominicis

Nelle foto ci sono persone –ma non io- che
Appena passate le ore sedici
Tutti con i bicchieri in mano degli aperitivi
Vino bianco fresco per rallegrare la in fondo triste serata
Che triste in realtà non vorrebbe essere nelle foto
Semmai serata evocativa eccetera
Ecco perché non c’ero, adesso mi ricordo
Stavo morendo di morte lenta
Anche se poi ghermito per i capelli, iniettatomi di sangue e terra d’altre latitudini, con altre coordinate linguistiche in testa, un miscuglio di lemmi, singulti, schiocchi, francesismi, spagnolismi, esse finali, parole con poco stupido senso grammaticale, che diventavano tutte insieme un suono spaventoso che non ricorda altri sottofondi, tutto questo nel delirio di ricordi e di rimandi
La morte lenta, soffice, senza un apparente perché
Sembrava tutto così triste ma era un ripetere antiche formule giaculatorie con il mio amico durante quel colloquio in penombra
La mattina dopo, la domenica, il cammino e il pensiero che si forma camminando
Nessuna cosa è dove la parola manca.
W.P.
Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...