Hai un momento Hegel?

In questo momento sto provando a fare qualcosa, ancora non so bene cosa ma qualcosa lo dovrò pur fare.  Sono le dieci del mattino e so che molti sono già alle loro catene di montaggio da ore, fuori l’aria è fresca e le foglie sono ancora bagnate dalla rugiada e bla bla bla, e bla bla e riblà. Dio mio, che sbronza ieri sera (e che alito a-sociale, per non dire di merda). Non troppo, il giusto. La sbronza intendo. Alla tv, in quella trasmissione di cucina con quella bella presentatrice a cui l’anno scorso è uscito un capezzolo dalla camicetta – perché la camicetta era troppo scollata e lei non portava il reggiseno e ha voluto fare la simpatica e saltellare di qua e di là..ma dico io, se ti metti una camicia del genere, per di più senza reggitette, faresti bene a saltelluzzare da un’altra parte invece di crederti Cappuccetto Rosso – lo dicono sempre: “non troppo, il giusto”. Altrimenti poi ti si riempiono troppo i sensi e vai in tilt organolettico o una roba del genere. Bisognerebbe anche usare il coppa-pasta per un sacco di cose. Di coppe ne conosco altre io, hu. Io quando ho fame mangio. E se ho voglia di bere bevo, non è che sto tanto ad abbinare il vino ai piatti. “Ah ma tu sei un farlocco Ted, così ti perdi il gusto vero del cibo inserito nella spirale della vita a creare un’artistica presenza nell’esistenza vuota dell’essere umano che altro non è fatto se non per erigersi a plasmatore di nuovi concetti, anche materiali, attraverso la natura..”. Aiuto. Aiuto aiuto aiuto. Ma ve l’ha mai detto a voi qualcuno che l’essere umano non è fatto per erigersi ad un bel niente, ma sta qui solo per soddisfare le sue funzioni primarie (che qui non citerò perché sono facilmente condizionabile)? Poi sì, ok, d’accordo, come dite voi, l’amore, i sentimenti. Ma l’istinto, l’istinto è quello che ci rende liberi. E solo quando siamo liberi possiamo amare davvero con tutti gli organo-letti. Questa poi, è ovvio che c’è la parola letto dentro. Hu hu hu. Non sono sbronzo in realtà, uh, passata da un bel po’ (stanotte verso le cinque e mezza credo). No, ho un sonno becco, ecco la verità, altro che cip e ciop e brezza corroborante. Datemi due tronchi per gli occhi, che soffro d’insonnia e Dio s’è scordato di darmeli in dotazione quella volta. Dovrebbe farlo con tutti quelli a cui caccia nel DNA questo cazzo di bioritmo che mi ritrovo. Farò una petizione on-line. Bioritmo, organolettico, coppa-pasta.

Sono un cazzo di intellettualoide oggi, ah sì.

I.M.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...