Non impareremo mai.

 

foto di I.M.

Sì certo, entra pure. Oh dei fiori. Per me? Certo, l’avevo capito. Certo, sono solo io qui, è casa mia ma sai…era per dire.

Accomodati, scusa la confusione. Sì, so che si dice anche questo per dire e che ho finito di pulire un’ora fa ma sai, mia madre ha plasmato la mia mente in modo tale da non lasciare scampo al dubbio atroce che qualcuno possa trovare sporco qualcosa in me. Chissà quale senso di colpa ci fa strofinare con ossessione qualsiasi superficie, visibile o meno, del ns. habitat.

Dicevi? Sei venuto per parlarmi? Mi inquieta il tuo sguardo, e sì, so che ogni volta che dubito e mi metto sulla difensiva ti secchi, ma cosa vuoi, chiamalo istinto o sesto senso…sono sempre sull’attenti. Come le sirene dell’acqua alta che suonano a Venezia. Nella mia testa hanno lo stesso suono i campanelli d’allarme. E chissà perché d’istinto passo a Marghera e ai suoi fumi tossici. Mentre ho te di fronte.

Certo che ti ascolto. Ma quando gesticoli così faccio fatica a pensare che non ci sia un però dietro l’angolo, a buttare giù come le tessere del domino tutte le belle parole di prima. Dai, non sono malpensante…è che mia madre, quando dice che noi donne siamo streghe, ha ragione e ci credo.

Continua scusa, non ti volevo interrompere. Fosse mai che perdi il filo.

Ok, lo so che eri legatissimo al cane e che sogni ancora la prozia di tuo padre. Peccato che i numeri che ti dà dall’aldilà siano a sei cifre e non ci abbiano mai fatto vincere un euro. Dai scusa, è della facile ironia su un argomento che ti sta a cuore, perdonami.

Sì, scusa, col cuore.

Ah, già che lo cito dici….non capisco cosa c’entri però il cuore con le vene di tua madre…no, certo, sono preoccupazioni, arriva tutto da lì, non dubito.

Va bene, capisco..ma i fiori? Non ci vedo significati subdoli, scherzi?

Oh, quindi per il momento ritieni di avere troppe cose a cui pensare. No guarda, non che non voglia capire…trovo strano che tu manifesti questo poco spazio mentale proprio ora, alla vigilia della partenza per due settimane di vacanze con gli amici. Non voglio vederci del marcio, scherzi, solo che tua madre ha problemi di vene dal ’78, il cane è fuggito 3 anni fa e quel coniglio che hai preso per rimpiazzalo diciamocelo, svolge perfettamente la funzione a mio parere. Ma ti sembra che ti prenderei in giro in questo frangente?

Ah c’è altro? Va bene, già che sono qui…non te la prendere, l’ironia è parte di me, lo sai. È una delle cose che hai sempre apprezzato…ah no? Forse ricordo male allora. Dicevi? La macchina si è rotta e non sapete come partire domani?

Porca paletta, quell’auto ha avuto un tempismo perfetto! No, non sto ridendo delle tue disgrazie, era solo un modo per sdrammatizzare. Sì, l’auto per voi è un po’ come il guardaroba per noi….nessuno può toccarcelo, solo ammirarlo da lontano.

Ok, scusa, non volevo iniziare un argomento infinito…e noioso dici? Che strano, noi ragazze ci passiamo ore…sì scusa, non perdere il filo…quindi…quindi, aspetta, vediamo se ho capito…mi stai lasciando, ah no scusa, rifletti solo per un periodo di tempo illimitato e al momento non quantificabile, ok…e vuoi che ti presti l’auto per due settimane?

……

Ok, ma fammi il pieno quando torni.

S.A.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...